Nel caso in cui sia stato attivato un finanziamento, ma si possiede la liquidità necessaria per estinguere lo stesso in maniera anticipata, si ha effettivo diritto a chiudere il prestito prima della sua scadenza. Vediamo insieme qualche dettaglio di seguito.

Il Testo Unico Bancario (art. 40, comma 1) stabilisce la possibilità di estinguere in qualsiasi momento un debito, anche parzialmente. Generalmente, quando si decide di estinguere anticipatamente un mutuo per la casa non vi sono penali, che tuttavia si possono ritrovare in altre circostanze.

Potrà essere applicato un costo variabile sulla base di due elementi fondamentali:

  • Importo da rimborsare
  • Arco temporale della scadenza del contratto

Si possono avere quindi questi casi:

  • Con debito residuo pari o inferiore a 10.000 euro: si può estinguere il finanziamento in via anticipata in modo completamente gratuito, e la banca non potrà applicare alcuna penale;
  • Con debito residuo superiore ai 10.000 euro: si può estinguere il finanziamento in qualsiasi momento, ma la banca potrà chiedere una penale nella misura massima pari all’1% del debito residuo.
  • Se alla scadenza del contratto manca più di un anno, la banca potrà sempre chiedere una penale massima nella misura dell’1%;
  • Se alla scadenza del contratto manca meno di un anno, la banca potrà chiedere una penale massima nella misura dello 0,5%.

È prevista anche la possibilità di estinguere anticipatamente solo una porzione del prestito: in questo caso, si andrà a ridurre proporzionalmente l’importo della rata del programma di rimborso, pur rimanendo fissa la scadenza. Non si escludono casi in cui banche o finanziarie possano dare la possibilità di mantenere intatto l’importo della rata, accorciando proporzionalmente la durata del finanziamento.

Richiedere un’estinzione anticipata: come fare?

La richiesta va eseguita tramite una comunicazione da inviare al creditore, indicando:

  •  il numero di finanziamento
  • la volontà di estinguere totalmente il debito (o l’importo dell’estinzione parziale)
  •  l’eventuale data di realizzazione dell’operazione.

Ricevuta la comunicazione, la banca predisporrà i conteggi per poter procedere alla chiusura del finanziamento. L’estinzione del debito residuo avverrà di solito con addebito sul conto corrente bancario.

Importante: la banca è sempre tenuta a consegnare un documento nel quale si attesta l’avvenuta estinzione del debito residuo. Questo permette di superare eventuali difficoltà nel caso in cui si voglia richiedere un altro prestito, ma alla Centrale Rischi non risultasse la predetta estinzione.

Rispondi