La Manovra 2021 è stata approvata definitivamente in Senato e pubblicata in Gazzetta Ufficiale. Numerosi i bonus e le agevolazioni previsti dalla legge n. 178/2020: le analizziamo una per una in dettaglio, in attesa di conoscere le indicazioni per beneficiarne, che saranno rese note con i provvedimenti attuativi.

Bonus auto elettriche

Destinato a persone fisiche con un ISEE inferiore 30 mila euro, si tratta di un contributo del 40% delle spese sostenute per l’acquisto di autoveicoli (categoria M1) nuovi di fabbrica alimentati esclusivamente ad energia elettrica di potenza inferiore a 150 kW con un prezzo di listino inferiore a 30.000 euro, al netto dell’IVA. Il bonus è riconosciuto a chi acquista un’auto elettrica in Italia entro il 31 dicembre 2021.

Per provvedere al riconoscimento di questo bonus nello stato di previsione del Ministero dello Sviluppo Economico è stato istituito un fondo con dotazione di 20 milioni per il 2021.

Bonus idrico

In base al Fondo per il risparmio delle risorse idriche (che dispone di circa 20 milioni di euro), verrà riconosciuto un bonus di 1.000 euro, da impiegare entro il 31 dicembre 2021 per la sostituzione di sanitari e apparecchiature a limitazione di flusso d’acqua su edifici già esistenti o parti di questi o su singole unità immobiliari, comprese le eventuali opere idrauliche e murarie collegate alle predette sostituzioni. Per termini e modalità d’attuazione della misura arriverà un decreto del Ministero dell’Ambiente entro 60 giorni dall’entrata in vigore della manovra.

Bonus per l’acquisto di abbonamenti ai quotidiani

Obiettivo del bonus è sostenere l’accesso delle famiglie a basso reddito ai servizi dell’informazione, in via sperimentale (per 2021 e 2022). Pertanto, ai nuclei familiari che presentano un ISEE inferiore ai 20 mila euro, e che beneficiano del voucher per acquisire servizi di connessione alla rete internet in banda ultra larga e i relativi dispositivi elettronici, è riconosciuto un contributo ulteriore dell’importo massimo di 100 euro, erogato sotto forma di sconto sul prezzo di acquisito di abbonamenti a quotidiani, riviste o periodici, anche in formato digitale, nell’importo massimo di 25 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022.

Bonus mobili

Il bonus mobili è prorogato di un altro anno, con un tetto di spesa che passa a 16 mila euro. Il contribuente avrà la possibilità di detrarre fino a 8mila euro – ossia il 50% delle spese sostenute – per l’acquisto di arredi e grandi elettrodomestici, particolarmente performanti anche dal punto di vista del consumo energetico, quando il contribuente esegue anche opere di ristrutturazione o recupero edilizio.

Per quanto riguarda i mobili nuovi, la detrazione spetta per l’acquisto di letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi, apparecchi di illuminazione. È invece escluso l’acquisto di porte, pavimentazioni, tendaggi o altri complementi di arredo. Per quanto concerne invece i nuovi elettrodomestici, il bonus copre l’acquisto di quelli con classe energetica non inferiore alla A+ (A o superiore per i forni e lavasciuga), come rilevabile dall’etichetta
energetica.

Bonus verde

Prorogato di un altro anno anche il bonus verde contemplato dal comma 13 dell’art. 1 della legge di bilancio per il 2018 n. 205/2017: consiste nella possibilità di detrarre dall’imposta lorda fino al 36% delle spese sostenute fino all’importo massimo di 5mila euro per sistemare a verde aree scoperte private di edifici già esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, per realizzare impianti di irrigazione e pozzi e infine per creare coperture a verde e di giardini pensili.

Bonus occhiali

Il Fondo per la tutela della vista, con una dotazione di 5 milioni per ciascuno dei prossimi anni 2021, 2022 e 2023 riconosce a chi presenta un Isee fino a 10 mila euro annui, un contributo una tantum sotto forma di voucher, del valore di 50 euro per poter acquistare occhiali o lenti a contatto correttive.

Bonus Tv

Questo bonus servirà a favorire il rinnovo o la sostituzione degli apparecchi televisivi che non sono in grado di ricevere i programmi Tv con le nuove tecnologie DVB-T2 e a favorire nel contempo lo smaltimento corretto dei vecchi apparecchi Tv. Nel 2021 le risorse disponibili saranno pari a 100 milioni di euro.

Bonus “kit digitalizzazione” per ragazzi

Per far fronte al digital divide, emerso soprattutto con le nuove modalità di didattica dettata dall’emergenza sanitaria, la manovra ha previsto per i nuclei familiari che presentano un reddito Isee non superiore ai 20 mila euro annui, se al suo interno c’è uno studente, la possibilità di beneficiare, in assenza di un contratto di telefonia mobile o di una connessione internet, di un dispositivo elettronico dotato di connettività per un anno in comodato gratuito o di un bonus di equivalente valore da impiegare per le stesse finalità.

Bonus per cuochi professionisti

Infine, per la categoria dei cuochi professionisti che lavorano come dipendenti o autonomi sarà riconosciuto un credito di imposta del 40% dei costi sostenuti per l’acquisto di beni strumentali durevoli (come macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura e attrezzature professionali per la ristorazione) o per aver frequentato corsi di aggiornamento professionale funzionali all’esercizio dell’attività nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 30 giugno 2021. Il credito di imposta vale su una spesa massima di 6mila euro, è utilizzabile solo in compensazione, non concorre alla formazione del reddito ai fini Irpef e Irap e può essere ceduto ad altri soggetti compresi gli istituti di credito e gli intermediari finanziari.

Rispondi